Home>Per la memoria>Mostra itinerante "La razza nemica. La propaganda antisemita nazista e fascista"


Mostra itinerante "La razza nemica. La propaganda antisemita nazista e fascista"

Fondazione Valenzi Per la memoria

La mostra, a cura delle Fondazione Museo della Shoah Onlus e in collaborazione con la Fondazione Valenzi, si interroga sul ruolo della propaganda antisemita nella Germania nazista e nell’Italia fascista analizzando a fondo le ragioni, le dinamiche, le forme, i contenuti e i protagonisti di tale fenomeno. Sono riportati manifesti, fotografie, giornali e riviste dell’epoca. La mostra si terrà dal 20 al 25 maggio dalle ore 8 e 30 alle ore 19 presso Palazzo Toledo - Via Ragnisco 29, Pozzuoli (Na)

Il percorso espositivo si snoda su un duplice piano narrativo: da un lato viene offerto uno sguardo sull’evoluzione dell’antisemitismo in Europa all’inizio del ‘900, in particolare sulla fase finale caratterizzata da motivazioni genetiche e biologiche e non più solo teologiche, socio-economiche e culturali; dall’altro viene spiegato, visualizzandolo, il ruolo della propaganda nazista e fascista che ha caratterizzato la cosiddetta società di massa.

La mostra approfondisce il tema della propaganda antiebraica, mettendo a confronto le due diverse connotazioni che si svilupparono nella Germania nazista e nell’Italia fascista, evidenziandone le differenze, ma anche le analogie e i legami, come nel caso del materiale prodotto dalla storica rivista tedesca Der Stürmer, fondata da Julius Streicher a Norimberga nel 1923, e della rivista italiana La Difesa della Razza, diretta da Telesio Interlandi, pubblicata nel 1938 dalla casa editrice Tumminelli di Roma.

Infine, il percorso approfondisce le conseguenze che la propaganda ha avuto sulla sorte degli ebrei d’Europa: dalle misure persecutorie, soprattutto con l’emanazione delle Leggi di Norimberga (1935), all’istituzione dei ghetti, che sancirono l’isolamento degli ebrei dal resto della popolazione; dalle successive deportazioni allo sterminio fisico nei campi di morte.

 

La mostra è a cura di Marcello Pezzetti e Sara Berger e gode dei seguenti Patrocini: Presidenza del Consiglio dei Ministri, Regione Lazio, Roma Capitale, Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, CDEC, Fondazione Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea e Comunità Ebraica di Roma, Comune di Pozzuoli. 

Organizzazione generale: C.O.R. Creare Organizzare Realizzare. 

Collaboratori tecnici: ACEA, Istituto Luce Cinecittà e Archivio Centrale dello Stato.