visite : 10007

Home>Per l' arte>Mostra “L’Africa di Maurizio. Oggetti africani della collezione Valenzi”


Mostra “L’Africa di Maurizio. Oggetti africani della collezione Valenzi”

Fondazione Valenzi Per l'Arte

Da lunedì 29 maggio nella sede del Rettorato dell’Orientale a Palazzo du Mesnil, via Chiatamone 62, la mostra “L’Africa di Maurizio. Oggetti africani della collezione Valenzi”.

La collezione africana di Maurizio Valenzi per la prima volta in esposizione. Sono 14 maschere, 5 sculture e 1 poggiatesta, provenienti dall’Africa centrale e occidentale di proprietà di Maurizio Valenzi databili tra fine Ottocento e primi del Novecento. Furono comprate da Valenzi durante alcuni dei suoi viaggi in Africa o gli furono donate.

Mai esposte per la prima volta lasciano l’abitazione di Valenzi dopo essere state inventariate e studiate.

Sono intervenuti al vernissage dopo i saluti la Rettrice dell’Orientale Elda Morlicchio, l'assessore alla cultura del Comune di Napoli Nino Daniele e Lucia Valenzi. Sono seguiti gli interventi della storica dell’arte contemporanea Maria De Vivo, della storica dell’Africa contemporanea Cristina Ercolessi e dell’archeologo e curatore della sezione africana del museo d’Ateneo Andrea Manzo.

Video del vernissage

Taglio del nastro della mostra

L’interesse artistico di Valenzi per l’Africa va certamente inserito nel quadro di una più generale attenzione degli ambienti artistici europei del XX secolo, a partire dalle avanguardie, per le espressioni artistiche africane. Benché l’interesse per l’arte africana non abbia poi avuto seguito evidente nella sua stessa produzione pittorica, la raccolta documenta il gusto e la curiosità di Valenzi artista. Ma l’Africa interessò anche il Valenzi politico. La sua particolare attenzione per la sponda sud del Mediterraneo e per l’Africa subsahariana emerge da alcuni episodi della sua attività politica e parlamentare, dall’impegno per il rafforzamento e lo sviluppo dei giovani Stati africani, ben inquadrabile nel contesto delle relazioni che in quegli anni il P.C.I. intesseva con quelle regioni. Senz’altro questo impegno civile si alimentò anche di trascorsi personali, come l’incarcerazione in gioventù nelle prigioni coloniali in Tunisia e Algeria.
La mostra, cui hanno contribuito Maria De Vivo, Cristina Ercolessi e Andrea Manzo, intende ripercorrere tutti questi aspetti della vita di Maurizio Valenzi attraverso gli oggetti africani che egli raccolse e alcuni documenti in parte indediti custoditi nell’archivio della Fondazione a lui intitolata.

Dichiara Lucia Valenzi:
La vita di mio padre, i suoi interessi e la sua attività politica è una testimonianza della possibilità di un concreto e profondo dialogo tra le civiltà. Compagno di cella di indipendentisti arabi, segretario della Commissione Esteri del Senato o Sindaco di Napoli non ha mai smesso di seguire sia l’arte che la politica africana e questi oggetti come i documenti esposti lo dimostrano. Sono infinitamente grata a tutti i docenti e non dell’Orientale che si sono impegnati per la realizzazione di questa mostra che era un mio vecchio sogno”.

La mostra è visitabile fino al 30 luglio con ingresso gratuito, il martedì, mercoledì e venerdì dalle 11 alle 14, il giovedì dalle 11 alle 17 oppure su appuntamento.





versione pdf
stampa

Prima di iscriverti leggi l'informativa sulla privacy

Napoli riscopre il suo contemporaneo
Cinque nuove opere

21 OTTOBRE 2017

Fondazione Valenzi