visite : 724

Home>Per la memoria>"Ridere rende liberi. Comici nei campi nazisti" giovedì 13 aprile


"Ridere rende liberi. Comici nei campi nazisti" giovedì 13 aprile

Fondazione Valenzi Per la memoria

Giovedì 13 aprile dalle 16 e 30 presso la sede del Maschio Angioinola presentazione del libro di Antonella Ottai “Ridere rende liberi. Comici nei campi nazisti": un aspetto poco conosciuto della Shoah, la storia di una tournée senza ritorno, ma soprattutto una riflessione sul comico in situazioni estreme e sulla relazione vittima-carnefice

Il libro, edito da Quodlibet, parte da un panorama storico artistico teatrale della Berlino alle soglie degli anni Trenta, per raccontare dei cabarettisti ebrei nei ghetti e nei campi nazisti, dove continuarono a realizzare spettacoli anche per i loro aguzzini. Alcuni tornarono addirittura dagli Stati Uniti, non potendo allontanarsi dal loro ambiente culturale, così recitarono prima per la Lega per la cultura ebraica a Berlino, poi nei campi “di transito” come Westerbork, in Olanda, fino a Theresienstadt e nei campi di sterminio. Nei lager si disegnava, si scriveva, si faceva e componeva musica, ma la comicità in quell’inferno ci appare come la massima espressione di resistenza.
Dopo i saluti di Lucia Valenzi, interverranno la docente di letteratura teatrale Antonia Lezza e il critico teatrale Giulio Baffi. Bruno Maccallini leggerà alcuni brani del libro e reciterà sketch e canzoni. Sarà presente l’autrice.

Segue la scheda di approfondimento:

Antonella Ottai Ridere rende liberi. Comici nei campi nazisti
Il libro nasce da una ricerca condotta sulle sorti di alcuni comici ai quali si deve, negli anni Trenta, la grandezza leggendaria del cabaret e dello spettacolo leggero mitteleuropeo, in particolare di quello berlinese. In gran parte ebrei, come ebreo era il colore del loro umorismo, la sorte di questi artisti è segnata inesorabilmente dall’avvento di Hitler al potere. Espulsi dai set e dai palcoscenici sui quali avevano primeggiato, le loro performance si replicano in situazioni sempre più dure: i ghetti, la deportazione, lo sterminio. Sono «stelle di prima grandezza che di grande non hanno più che la stella gialla, cucita ben in evidenza sul loro petto». Il loro personale percorso diventa l’occasione per interrogarsi sui poteri e sulla forza d’urto del riso, per riflettere sul senso del comico nel cuore del dolore quando, a complicarne le dinamiche, interviene la relazione che sussiste fra il carnefice e la vittima e sono gli aguzzini a contendere ai perseguitati “l’ultima risata”. (2017) pp. 240 Quodlibet € 18,00

Segue il profilo dell’autrice:

Antonella Ottai insegna presso il Dipartimento di Storia dell’arte e Spettacolo dell’Università “Sapienza” di Roma. Ha al suo attivo numerose pubblicazioni sullo spettacolo, italiano e internazionale, degli anni Trenta. Fra le altre, presso Bulzoni ha pubblicato “Come a concerto”. Il Teatro Umoristico nelle scene degli Trenta (2002), dedicato al teatro di Eduardo De Filippo e "Eastern. La commedia ungherese nello spettacolo fra le due guerre" (2010), dedicato ai viaggi della commedia brillante fra Budapest, Roma e Hollywood. Presso Sellerio ha pubblicato un libro di racconti autobiografici, "Il croccante e i pinoli" (2009).





versione pdf
stampa

Prima di iscriverti leggi l'informativa sulla privacy

Napoli riscopre il suo contemporaneo
Cinque nuove opere

21 OTTOBRE 2017

Fondazione Valenzi